Banner
EVENTI FABBRICA
<<  Agosto 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
Banner
Banner
Banner
Mailing List
Mailing List


Ricevi HTML?

Banner
Banner

Con l’inizio dell’anno 2005 è nata a Pescia una nuova Associazione Culturale chiamata “Lucignolo”.
Quest’associazione è sorta dall’esigenza, fortemente sentita da un gruppo di  persone, di avere un punto di ritrovouno spazio in cui potersi incontrare con gli altri per avere la possibilità di esprimere e scambiarsi liberamente e nel rispetto di tutti, le proprie idee, le proprie esperienze. Ci sembra infatti evidente  che manchino a Pescia gli spazi per il ritrovo sia dei giovani che dei meno giovani; ci è parso quindi importante, nonostante già esistano numerose e valide Associazioni Culturali sul territorio, provare a dare il nostro contributo, con la consapevolezza che, nonostante l’entusiasmo, saranno tanti gli scogli da superare.

Sicuramente parlare oggi del bisogno di stare con gli altri al fine di scambiarsi le proprie opinioni e le proprie esperienze per la crescita individuale e collettiva, può sembrare anacronistico o viceversa, scontato; non siamo d’accordo con l’una con l’altra accezione, essendo il periodo storico che stiamo attraversando caratterizzato dall’appiattimento delle idee e dalla frivolezza che ci viene propinata soprattutto dai mezzi d’informazione. È per questo che è importante dare un’alternativa, che sia tangibile, al vuoto, o meglio al finto mondo, caratterizzato dal “finto benessere”  in cui siamo costretti a vivere.

Il nome stesso che abbiamo scelto per la nostra Associazione, “Lucignolo”, vuole caratterizzare la vivacità che vorremmo ci distinguesse; infatti le iniziative culturali, a cui per altro stiamo già lavorando, vanno dalla musica, al cinema, al teatro etc., tutte tese a valorizzare il nostro territorio affinché possa esprimere tutte le sue potenzialità.
E’ chiaro che molto importante è il coinvolgimento della popolazione, sia di coloro che vorranno partecipare attivamente alla vita dell’Associazione, sia di coloro che vorranno solo raccoglierne i frutti. 

STATUTO

Definizioni e finalità

Art. 1. – È costituita in Pescia (PT) l'Associazione Culturale e di Promozione Sociale denominata "Associazione Culturale e di Promozione Sociale Lucignolo” come libera Associazione di fatto, pluralista, apartitica, a carattere volontario, democratico e progressista, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma del Titolo I Cap. III, art. 36 e segg. del codice civile, nonché del presente Statuto.
 
Art. 2. – Lo scopo principale dell’Associazione "Lucignolo”, di seguito denominata Associazione, è, nel rispetto delle leggi vigenti, quello di promuovere ogni tipo di attività culturale, politica, ricreativa, sociale tendente alla valorizzazione della cultura, della solidarietà e dell’ambiente. Tutti i campi in cui si manifestano espressioni culturali, ricreative e formative e tutti quelli in cui si può dispiegare una battaglia civile contro ogni forma di ignoranza, di intolleranza, di violenza, di censura, di ingiustizia, di discriminazione, di razzismo, di emarginazione, di solitudine forzata, sono potenziali settori d’intervento dell’Associazione. L’Associazione può promuovere movimenti, comitati e gruppi anche con altra sigla distintiva, miranti a realizzare gli scopi in ambiti volta per volta determinabili. Essa si prefigge di cooperare con tutte le organizzazioni e le istituzioni non necessariamente aventi scopi analoghi. A tal fine l’Associazione può organizzare, promuovere o offrire il patrocinio a: incontri, convegni, dibattiti, seminari, concerti ed ogni qualsiasi altra forma di spettacolo; corsi di aggiornamento e di perfezionamento, istituzione di gruppi di studio e di ricerca nel campo dell’arte e dello spettacolo; può, inoltre, stampare, distribuire, porre in vendita libri e pubblicazioni, produrre, acquistare, distribuire, proiettare filmati, registrazioni ed ogni altro tipo di riproduzione visiva o sonora.
Art. 3. – L’Associazione per il raggiungimento dei propri scopi sociali, potrà compiere tutte le operazioni mobiliari, immobiliari, creditizie e finanziarie che riterrà opportuno.
 
I Soci
Art. 4. – Il numero dei soci è illimitato. Può diventare socio chiunque si riconosca nel presente statuto ed abbia compiuto il diciottesimo anno di età, indipendentemente dalla propria appartenenza politica e religiosa, sesso, cittadinanza, appartenenza etnica e professione. I minori di anni diciotto possono assumere il titolo di soci solo previo consenso dei genitori e comunque non godono dei diritti di voto in assemblea. Lo status di socio, una volta acquisito, ha carattere permanente e può venir meno solo nei casi previsti dal successivo art. 9. Non sono pertanto ammesse iscrizioni che violino tale principio, introducendo criteri di ammissione strumentalmente limitativi di diritti o a termine. Agli aspiranti soci sono richiesti l’accettazione dello statuto ed il rispetto della civile convivenza.
 
Art. 5. - L'ammissione dei soci è deliberata, su domanda scritta del richiedente controfirmata da almeno tre soci, dal Consiglio Direttivo, ovvero da uno o più Consiglieri da esso espressamente delegati. In tale domanda il richiedente dovrà menzionare il proprio nome, cognome, indirizzo e data di nascita unitamente all’attestazione di accettare ed attenersi allo statuto, al regolamento interno ed alle deliberazioni degli organi sociali.
 
Art. 6. – Entro 30 giorni dalla presentazione, Consiglio Direttivo, ovvero da uno o più Consiglieri da esso espressamente delegati, prenderà in esame le domande di ammissione, verificando che gli aspiranti soci siano in possesso dei requisiti richiesti e deliberando sullo stesso. Qualora la domanda venga accettata, la qualifica di socio, diverrà effettiva e, previo il pagamento della quota sociale, al nuovo socio verrà consegnata la tessera sociale e il nominativo verrà annotato nel libro dei soci. Nel caso in cui la domanda venga respinta l’interessato potrà presentare, entro 30 giorni dalla comunicazione, ricorso, sul quale si pronuncerà in via definitiva il Collegio dei garanti.
 
Art. 7. - Tutti i soci sono tenuti al pagamento della quota sociale, a rispettare le norme del presente statuto e l'eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi o al patrimonio dell'Associazione il Consiglio direttivo dovrà intervenire ed applicare le seguenti sanzioni: richiamo scritto, diffida, sospensione temporanea, espulsione, radiazione dall’Associazione. Le somme versate per le quote sociali non sono rimborsabili in nessun caso. I soci espulsi possono ricorrere per iscritto contro il provvedimento entro trenta giorni al Collegio dei garanti. La quota sociale è intrasmissibile, ad eccezione di trasferimento in caso di morte, e non rivalutabile.
 
Art. 8. - Tutti i soci maggiorenni hanno diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell'Associazione e ad essere eletti membri degli organismi dirigenti. Tali diritti sono esercitabili solo dai soci che abbiano rinnovato la tessera almeno cinque giorni prima dello svolgimento dell’Assemblea stessa.
 
Art. 9. – La qualifica di socio si perde per: Decesso; Mancato pagamento della quota sociale; Espulsione o radiazione; Dimissioni, che devono essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo.
 
Patrimonio sociale e bilancio
Art. 10. – Il patrimonio sociale dell’Associazione è indivisibile ed è costituito da: beni immobili e mobili; contributi; donazioni e lasciti; rimborsi; attività marginali di carattere commerciale e produttivo; ogni altro tipo di entrate, purché di natura lecita. I contributi degli aderenti sono costituiti dalle quote di associazione annuale, stabilite dal Consiglio direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall'assemblea, che ne determina l'ammontare. Le elargizioni in danaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dall'assemblea, che delibera sulla utilizzazione di esse, in armonia con le finalità statuarie dell'organizzazione. È vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.
 
Art. 11. – L’anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Il Consiglio direttivo deve redigere un rendiconto economico e finanziario che deve essere presentato all’Assemblea ordinaria dei soci entro il 30 Giugno dell’anno successivo per l’approvazione. Ulteriore deroga può essere prevista in caso di comprovata necessità o impedimento. Il bilancio consuntivo deve essere depositato presso la sede dell’Associazione entro i 15 giorni precedenti la seduta per poter essere consultato da ogni associato.
 
L’Assemblea
Art. 12. – Gli organi dell’Associazione sono: l’Assemblea dei soci; il Consiglio direttivo; il Presidente; il Collegio dei garanti.
 
Art. 13. – L’assemblea dei soci è il momento fondamentale di confronto, atto ad assicurare una corretta gestione dell’Associazione ed è composta da tutti i soci, ognuno dei quali ha diritto ad un voto, qualunque sia il valore della quota. Essa è convocata almeno una volta all’anno in via ordinaria, ed in via straordinaria quando sia necessaria o sia richiesta dal Consiglio direttivo o da almeno un quinto degli associati. In prima convocazione l’assemblea ordinaria è valida se è presente la maggioranza dei soci con diritto di voto, e delibera validamente con la maggioranza dei presenti; in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti. L’assemblea straordinaria delibera in prima convocazione con la presenza e col voto favorevole della maggioranza dei soci e in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti. L’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, delibera sulle questioni poste all’ordine del giorno, salvo le eccezioni di cui art.15. Non sono ammesse deleghe nelle assemblee e nelle elezioni. La convocazione va fatta a cura del Consiglio direttivo tramite avviso scritto od altre forme di comunicazione, indicante la data e l’ora di prima e seconda convocazione, l’ordine del giorno ed il luogo di adunanza da comunicare almeno otto giorni prima ad ogni socio.
 
Art. 14. – L’assemblea ordinaria viene convocata una volta l’anno nel periodo che va dal 1 gennaio al 31 marzo. Essa, nei termini di cui all’ultimo comma dell’art. 8: approva il bilancio preventivo e consuntivo; approva il regolamento interno; approva le linee generali del programma di attività; delibera su tutte le questioni attinenti alla gestione sociale; elegge gli organismi direttivi (consiglio direttivo, collegio dei garanti) alla fine del mandato o in seguito alla dimissione degli stessi, questo votando a scrutinio segreto la preferenza a nominativi scelti tra i soci fino ad un numero uguale a quello dei componenti per ciascun organismo. In caso di parità di voti all’ultimo posto utile, sarà eletto il socio con la maggior anzianità di iscrizione all’Associazione. Nel caso di cui sopra, elegge una commissione elettorale composta da almeno tre membri che controlli lo svolgimento delle elezioni e faccia gli scrutini. L’assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dello Statuto e l’eventuale scioglimento dell’Associazione. L’Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio direttivo, ed in sua assenza od impedimento, nell’ordine, dal Vice Presidente o dal membro del Consiglio Direttivo più anziano di età, il quale nomina un segretario verbalizzante in caso di assenza del Segretario. Il verbale delle riunioni dell’Assemblea deve essere firmato dal Presidente, o da chi ne fa le veci, e dal Segretario. Quest’ultimo provvederà a raccogliere e conservare i verbali in apposito registro. Le votazioni possono avvenire per alzata di mano o a scrutinio segreto quando ne faccia richiesta un decimo dei soci presenti con diritto di voto.
 
Art. 15. – Per deliberare sulle modifiche da apportare allo statuto o al regolamento, proposte dal consiglio direttivo o da almeno un quinto dei soci, è indispensabile la presenza di almeno due terzi dei soci con diritto di voto ed il voto favorevole di almeno tre quinti dei partecipanti. Per delibere riguardanti lo scioglimento o la liquidazione dell’Associazione, valgono le norme di cui all’art. 28.
 
Art. 16. – L’assemblea straordinaria viene convocata tutte le volte che il consiglio direttivo lo reputi necessario e ogni qualvolta ne faccia richiesta motivata almeno un quinto dei soci aventi diritto di voto. L’assemblea dovrà aver luogo entro venti giorni dalla data in cui viene richiesta.
 
Il Consiglio direttivo
Art. 17. – Il consiglio direttivo è eletto dall’assemblea dei soci, è composto da un minimo di cinque ad un massimo di dodici membri. Tutti i consiglieri sono rieleggibili. Il Consiglio direttivo è validamente costituito quando sono presenti due terzi dei membri che lo compongono. I membri del Consiglio direttivo svolgono la loro attività gratuitamente e durano in carica tre anni. Il consiglio direttivo può essere revocato dall’assemblea con la maggioranza di due terzi dei soci.
 
Art. 18. – Il Consiglio direttivo nell’ambito delle proprie funzioni può avvalersi, per compiti operativi o di consulenza, di commissioni di lavoro da esso nominate, nonché dell’attività volontaria di cittadini non soci in grado, per competenze specifiche, di contribuire alla realizzazione di specifici programmi.
 
Art. 19. – Il consiglio direttivo elegge al suo interno: il Presidente - ha la rappresentanza legale dell’Associazione ed è il responsabile di ogni attività della stessa. Convoca e presiede il Consiglio e l’Assemblea dei Soci; il Vice Presidente - coadiuva il Presidente e, in caso di assenza o impedimento di questi, ne assume le mansioni; il Segretario - redige i verbali delle sedute del Consiglio e li firma con il Presidente; presiede il Consiglio in assenza del Presidente e del Vice Presidente; il Tesoriere - cura ogni aspetto amministrativo dell’Associazione. Il Consiglio può inoltre distribuire fra i suoi componenti altre funzioni attinenti a specifiche esigenze legate alle attività dell’Associazione.
 
Art. 20. – Compiti del Consiglio direttivo sono: eseguire le delibere dell’assemblea; formulare i programmi di attività sociale sulla base delle linee approvate dall’assemblea; predisporre i bilanci preventivi e consuntivi; deliberare circa l’ammissione dei soci; stabilire gli importi delle quote annuali dei soci; deliberare circa le azioni disciplinari nei confronti dei soci; stipulare tutti gli atti ed i contratti inerenti le attività sociali; curare la gestione di tutti i beni mobili ed immobili di proprietà dell’Associazione o ad esso affidati; decidere le modalità di partecipazione dell’Associazione alle attività organizzate da altre associazioni ed enti, e viceversa, se compatibili con i principi ispiratori del presente statuto.
 
Art. 21. - Il Consiglio direttivo si riunisce di norma una volta al mese in un giorno prestabilito senza necessità di ulteriore avviso, e straordinariamente quando ne facciano richiesta almeno tre consiglieri, su convocazione del Presidente. Le sedute sono valide quando vi intervenga la maggioranza dei consiglieri e le delibere sono approvate a maggioranza assoluta di voti dei presenti. Le votazioni normalmente sono palesi, possono essere a scrutinio segreto quando ciò sia richiesto anche da un solo consigliere. La parità di voti comporta il rigetto della proposta ed in caso di ulteriore parità prevale il voto del Presidente o, in sua assenza, di chi ne fa le veci.
 
Art. 22. – I consiglieri sono tenuti a partecipare attivamente a tutte le riunioni, sia ordinarie che straordinarie. Il consigliere che ingiustificatamente non si presenta a tre riunioni consecutive, decade. Decade comunque il consigliere dopo sei mesi di assenza dai lavori del consiglio. Il consigliere decaduto o dimissionario è sostituito, dove esista, dal socio risultato prima escluso all’elezione del consiglio.
 
Il Collegio dei garanti
Art. 23. – Il Collegio dei Garanti è composto da tre soci eletti in assemblea. Dura in carica tre anni. Viene chiamato a giudicare su eventuali divergenze o questioni nate all’interno dell’Associazione, sulle violazioni dello Statuto e del regolamento e sull’inosservanza delle delibere. Può deliberare l’espulsione dei soci deferiti al collegio, ai sensi dell’art. 7. Decide insindacabilmente, entro trenta giorni dalla presentazione del ricorso, sulle decisioni di espulsione e sui dinieghi di ammissione. Il Collegio decide a maggioranza assoluta dei suoi membri, riunendosi ogni qual volta le condizioni lo rendano necessario.
 
Art. 24. – I membri del Collegio dei garanti hanno diritto di assistere alle sedute del Consiglio direttivo, con solo parere consultivo.
 
Art. 25. – Le cariche di Consigliere e membro del Collegio dei garanti sono incompatibili tra loro.
 
Art. 26. – Tutte le cariche elettive sono gratuite. Ai soci compete solo il rimborso delle spese vive regolarmente documentate. Pubblicità degli atti.
 
Art. 27. – Le deliberazioni assembleari, degli altri organismi sociali e gli atti verbalizzati vengono esposti all’interno della sede sociale durante i quindici giorni successivi alla loro formazione e restano successivamente agli atti a disposizione. I soci possono consultarli.
 
Scioglimento dell’Associazione
Art. 28. – La decisione motivata di scioglimento dell’Associazione deve essere presa da almeno i quattro quinti dei soci aventi diritto al voto, in un’assemblea valida alla presenza della maggioranza assoluta dei medesimi. L’Assemblea stessa, in caso di scioglimento per qualunque causa dell’associazione, decide sulla devoluzione del patrimonio residuo, dedotte le eventuali passività, ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge, procedendo alla nomina di uno o più liquidatori scelti preferibilmente tra i soci.
 
Disposizioni finali
Art. 29. – Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigente in maniera.


RESOCONTO BILANCI ASSOCIAZIONE LUCIGNOLO

BILANCIO ANNO 2005 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2006 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2007 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2008 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2009 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2010 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2011 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2012 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2013 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2014 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2015 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2016 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2017 - Scarica pdf

BILANCIO ANNO 2018 - Scarica pdf

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner